lunedì 15 aprile 2013

FRITTATA CON PORRI SELVATICI



Finalmente la primavera sembra arrivata! In questi giorni ne ho approfittato per stare un pò all'aria aperta e godere di questo bel tempo. Spesso se ci addentriamo nei boschi o nei campi incolti (mi raccomando lontano da zone trafficate!) si possono trovare deliziosi ortaggi e frutti selvatici.
Porri selvatici
Questa volta ho trovato una vaietà di porro selvatico, anche se il profumo è una via di mezzo tra aglio e porro. Questa pianta cresce spontanea nei luoghi incolti, preferibilemnte in zone ombreggiate (tipo al riparo di un albero). Credo si tratti di porraccio (una varietà di porro selvatico che cresce appunto nei luoghi incolti), molto utilizzato nella cucina popolare toscana soprattutto per insaporire brodi e minestre perchè ha un sapore molto pungente, oggi il suo uso è caduto i disuso anche se si tratta di un ortaggio facilmente reperibile e molto buono.
Io una volta colti e lavati li ho utilizzati per insaporire una semplice frittatina.

N.B Mi raccomando scegliete uova biologiche da allevamento all'aperto (uova Bio N° 0) oppure meglio ancora comprate da un contadino di fiducia della zona.

Ho affettato grossolanamente i porri e li ho fatti saltare in padella con un filo di olio extra vergine di oliva, sale e pepe. Nel frattempo ho sbattuto 3 uova grandi (era una frittatina per 2 persone), ho regolato di sale e pepe e vi ho aggiunto i porri cotti. Dopodichè ho versato il composto di porri e uova nella padella in cui avevo precedentemnte cotto i porri (usate padelle di buona qualità antiaderenti così otterrete un buon risultato sena dover usare molto olio). Quando la frittata era leggermente dorata sotto l'ho girata, aiutandomi con un piatto, e l'ho fatta cuocere un altro paio di minuti. Et voilà piatto semplice e poco costoso, ma molto buono.

Ovviamento potete fare questa ricetta anche con cipollotti freschi oppure porri classici.

Preparazione





Fonti: http://www.dipbot.unict.it/alimurgiche/scheda.aspx?i=30

Nessun commento: