lunedì 30 settembre 2013

Cacciucco di ceci



L'etimologia della parola cacciucco è incerta, pare che abbia origini turche da "küçük", che vuol dire minutaglia. In Toscana il termine indica in genere la mescolanza di cose diverse e si traduce poi, in ambito gastronomico, in un'unione di pesce, spezie e aromi che danno origine ad un piatto molto noto e gustoso, il cacciucco di pesce alla livornese o nella variante viareggina.
Io oggi per il meat free monday ho provato una variante vegana, ottima soprattutto nella stagione fredda.
 


Ingredienti (per 4 persone)


160 g di ceci piccini del Chianti secchi (oppure và bene qualsiasi altra varietà di ceci)
Una piccola cipolla
1 spicchio di aglio
Un mazzetto di bietole
300 g di polpa di pomodoro
700-800 ml di brodo vegetale fatto in casa
Olio extra vergine di oliva
Sale e peperoncino

"I ceci utilizzati sono un’antica varietà coltivata nella zona del Chianti ma anche tra le colline del Valdarno. Questo cece ha la buccia molto fine e un sapore molto intenso. Io lo trovo spesso in vendita sfuso nei banchi dei mercatini della mia zona. La zuppa si può comunque preparare con qualsiasi varietà abbiate a disposizione"


Lasciare in ceci in ammollo per 12 ore (cambiando almeno una volta l’acqua). Mettere i ceci in una pentola e coprirli con acqua fredda. Far cuocere per circa 2 ore. Scolateli e passatene un terzo con un passa verdure. Lavate e tritate le bietole. Tritate la cipolla e l’aglio e fateli soffriggere in una casseruola (meglio di coccio) con un pochino di olio extra vergine di oliva. Unire la bietola e i ceci (sia quelli interi che quelli precedentemente passati) e la polpa di pomodoro. Aggiustare di sale e peperoncino, lasciar insaporire un attimo e aggiungere il brodo vegetale. Coprire e lasciar sobbollire per una ventina di minuti. Servitelo accompagnato con un paio di fettine di pane abbrustolito ( volendo strofinandoci sopra un pochino di aglio).

Buona appetito! ;-)

Nessun commento: