mercoledì 11 settembre 2013

Conosciamo meglio i cereali integrali: il miglio

Il miglio (Panicum Miliaceum) appartiene alla famiglia delle Graminacee (la stessa di grano, orzo e riso ad esempio).
Questo cereale è conosciuto e consumato da secoli soprattutto in Africa e nei paesi orientali, non a caso tra i maggiori produttori mondiali di miglio troviamo India, Cina e Africa.
Tra le graminacee, il miglio, è il cereale che richiede la minor quantità di acqua per essere coltivato.

Da un punto di vista nutrizionale, il miglio è una buona fonte di fibra alimentare, ferro (3,5 mg per 100 g di alimenti, il 19% del fabbisogno giornaliero nelle donne e il 35% negli uomini), fosforo e magnesio (fondamentale per la corretta mineralizzazione delle ossa, per la contrazione muscolare, il battito cardiaco e il funzionamento del sistema nervoso centrale).
Da notare che tra le proteine di questo cereale, non è presente il glutine, può quindi rientrare nell'alimentazione abituale di una persona celiaca.
"Se si lascia germogliare il miglio per un paio di giorni, la bio-disponibilità di sali minerali, soprattutto ferro, aumenta"
Diversi studi hanno rilevato che il miglio, essendo ricco di acidi fenolici, ha ottime proprietà antiossidanti. Può quindi essere di aiuto all'organismo nella distruzione di radicali liberi, responsabili di invecchiamento precoce e malattie degenerative tra cui tumori, diabete e malattie cardio- e cerebrovascolari.

Il miglio è ottimo per preparare sformati, crocchette o burger vegetariani, anche da dare ai bambini per favorire una maggiore introduzione di fibra, ferro e magnesio (fodnamentali per la crescita) e ridurre il consumo di alimenti ricchi di grassi saturi e colesterolo.



Una ricetta a base di miglio adatta per tutta la famiglia?
Tortino di miglio e verdure









Forse può interessarti anche:
Grano saraceno
Farro
Orzo




fonti:
- Tabelle di composizione degli alimenti, INRAN
- www.wholegrainscouncil.org
- Chandrasekara A, Shahidi F., (2010), Content of insoluble bound phenolics in millets and their contribution to   antioxidant capacity., J Agric Food Chem. Jun 9;58(11):6706-14. 

Immagini:
- www.mr-loto.it
- www.greenme.it


Nessun commento: