venerdì 18 ottobre 2013

Tortino di spinaci e patate



Questo tortino è delizioso e nutriente.

Ingredienti (per 2 persone):
400 g di patate
400 g di spinaci
4 uova
Mezza cipolla bianca
1 bicchiere di piselli 
2 carote
50 g di pan grattato
2 spicchi di aglio
Noce moscata
paprika
Sale e pepe q.b

Lessare le patate in acqua fredda. In una padella saltare la cipolla tritata con i piselli e le carote fatte a dadini, cuocere fino a quando la carota e i piselli non sono cotti ( possono rimanere anche un pochino croccanti). Mettere da parte.
Nella stessa padella scaldare un pochino di olio evo e uno spicchio di aglio e cuocere gli spinaci fino a quando non sono teneri. Quando gli spinaci sono cotti mescolarli alle patate lesse e schiacciare il tutto con uno schiaccia patate. Aggiungere anche il mix di carote, cipolla e piselli precedentemente preparato, e mescolare bene. Regolare di sale e pepe, aggiungere paprika e uno spicchio di aglio tritato, grattarci  anche un pochino di noce moscata . Aggiungere all’ impasto le 4 uova. Mescolare fino ad incorporare bene il tutto. Versare il composto in una teglia rivestita di carta da forno. Spolverare sulla superficie il pan grattato. Cuocere in forno a 200°C per circa 15 minuti.


Spesso accusate (ingiustamente) di causare l'aumento del colesterolo nel sangue; le uova sono un alimento nutriente ed economico.
E' vero, sono molto ricche di colesterolo (un uovo contiene quasi 200 mg di colesterolo, il 64% della quota massima raccomandata al giorno). Ma dobbiamo precisare alcune cose cose:

1) Non tutto il colesterolo ingerito con il cibo viene poi anche assorbito dall'intestino, molto dipende dalla composizione del pasto; ad esempio se nel pasto sono presenti abbondanti verdure e cereali integrali (pane o cereali in chicco), la fibra contenuta al loro interno legherà parte del colesterolo presente nell'uovo e ne ridurrà l'assorbimento.

2) L'uovo contiene molta lecitina (esattamente come la soia, per questo la maionese fatta con latte di soia monta esattamente come quella fatta con le uova). La lecitina  è un fosfolipide che si lega al colesterolo e ne limita la biodisponibilità.

3) Solo 1/3 del colesterolo ematico proviene dal colesterolo ingerito con i cibi, gli alti 2/3 vengono prodotti dal nostro corpo a partire da altri substrati.

Il primo numero indica il tipo di allevamento. Preferite le uova
la cui sigla inizia con il numero 0.
Se volete consumarle in tutta sicurezza, Il mio consiglio è di limitarne il consumo invece di eliminarle ( 3-4 uova a settimana possono andar bene per un adulto sano che non necessita di una dieta particolare).
Dobbiamo far presente che molti degli studi che mettevano in relazione il consumo di uova e lo sviluppo di malattie cardiovascolari, erano svolti nei paesi anglosassoni. In questi paesi il consumo di uova è quotidiano o comunque molto maggiore rispetto alla media italiana. Per la cottura cercate di preferire cotture semplici con pochi grassi.

"Le uova sono inoltre un ottima fonte di vitamina B12, la cui carenza nella dieta è stata associata ad aumentato rischio di malattie cardiovascolari"

Altro consiglio importante... preferite delle uova acquistate da un contadino di fiducia oppure se proprio non ne trovate uno, acquistate uova biologiche n° 0.
La qualità delle uova, infatti,  dipende molto anche da come la gallina è stata allevata e nutrita.



FONTI:

- Tabelle di composizione degli alimenti INRAN
- Linee guida per una sana alimentazione INRAN
- www.hsph.harvard.edu
- Hu FB, Stampfer MJ, Rimm EB, et al., (1999), A prospective study of egg consumption and risk of      cardiovascular disease in men and women. JAMA.; 281:1387-94.

- Fernandez ML., (2006), Dietary cholesterol provided by eggs and plasma lipoproteins in healthy populations.Curr Opin Clin Nutr Metab Care. ; 9:8-12.
- www.lifegate.it (immagine uovo)

Nessun commento: