lunedì 3 novembre 2014

Pane integrale e ai semi fatto in casa


Un'abitudine che ho ormai da molto tempo è quella di preparare il pane in casa. Non è particolarmente difficile, anzi con il tempo e con la pratica vi verrà sempre più buono. E' economico e avrete la soddisfazione di avere a casa vostra un pane buonissimo, salutare e nutriente. Le farine integrali infatti sono più ricche di proteine, vitamine e sali minerali rispetto alle farine raffinate. Io ho scelto farina di frumento integrale e di segale entrambe biologiche, poiché nella crusca dei cereali si accumulano più facilmente pesticidi e altri possibili inquinanti. Potete ovviamente usare anche solo l'una o l'altra in base ai vostri gusti. 
Per una dose in più di fibra e proteine ho aggiunto anche semi di lino e semi di sesamo.


Ingredienti per 2-3 pagnotte:

400 g Farina integrale biologica 
100 g di farina di segale biologica
25 g di lievito di birra
1 cucchiaino di malto d'orzo
280 ml di acqua tiepida
3 cucchiai di semi di sesamo
2 cucchiai di semi di lino
1 pizzico di sale marino integrale

Mettete le farine e i semi in una terrina e formate un buco nel mezzo. Sbriciolatevi il lievito di birra e aggiungete anche un cucchiaino di malto d'orzo. In un angolino fate un piccolo forellino con il dito e mettetevi un pizzico di sale (il sale non dovrebbe venire a contatto diretto con il lievito).

Versate l'acqua nel centro dove ci sono il lievito e il malto e cominciate piano piano a impastare con le mani, incorporando gradualmente sempre più farina. Per ultimo lasciatevi l'angolo di farina dove avete praticato il forellino con il sale.

Impastate bene il tutto per almeno 5 minuti. Se dovesse risultare troppo asciutto aggiungete un pochino di acqua (poco alla volta). Viceversa se dovesse appiccicarsi troppo alle mani, aggiungete una presa di  farina.

Dopodiché mettere l'impasto in una terrina leggermente unta, copritelo con un telo pulito e fate lievitare per circa 1 ora in un luogo tiepido lontano da correnti d'aria (io di solito lo metto nel forno spento e chiuso).

Passata l'ora, reimpastate la vostra pagnotta. Dividetela in due o 3 pagnotte più piccole. Se volete cospargete la superficie con un altro po di semi di sesamo e/o fiocchi di avena. E lasciate riposare per altri 15 minuti.

Nel frattempo scaldate il forno a 200°. Quando sarà caldo infornate le vostre pagnotte per 30-35 minuti. 

N.B Ogni forno è diverso, pertanto controllate ogni tanto che la crosta non sia troppo scura. Eventualmente abbassate la temperatura del forno onde evitare di avere un pane troppo tostato fuori e poco cotto all'interno.

Quando sarà cotto, togliete dal forno e fate raffreddare. Potete conservarlo in una sacchetto di carta o per alimenti (aperto). Oppure come faccio spesso io per praticità, potete tagliarlo a fette e congelarlo.

E' ottimo la mattina a colazione appena tostato.




Forse può interessarti anche:

2 commenti:

Simona Cò ha detto...

Ciao! complimenti per il tuo blog, lo trovo molto interessante! Quando ho tempo mi cimento nelle preparazione del pane e vorrei provare anche la tua ricetta... posso sostituire il malto d'orzo con un altro ingrediente? grazie

Dott.ssa Mariana Scavo ha detto...

Ciao! Grazie mille per i complimenti! Il malto d'orzo in realtà io lo aggiungo solo per una questione di sapore, quindi puoi anche non aggiungerlo, non influisce sulla panificazione. Ciao a presto e fammi sapere come ti è venuto il pane! ;-)